vendredi 20 octobre 2017

Cuncorsu Apertura 17/18 : Arrendesi

Un testu di Kévin Petroni



« Un creatore chì si lascia, s’arrende ».

Montherlant, Les Jeunes Filles.


Fà è fà, ci hè una guerra ch’è tù ai persu, era una guerra chì ùn purtava u so nome, una guerra senza onore nè vigliacchisimu, è forse ùn a sapia ch’ellu era di sangue u to cumbattu, una guerra contru à tè stessu è contru à l’altri, tralucente è vana cum’è tutte e guerre, sunniava d’un’ offesa è d’un’ inghjulia, è ai cappiatu, è ti sè mancatu, è sè statu bassu, sì turnatu debbule è vigliaccu cum’è quelli ch’è tù uddiava, ai finitu per finisce, t’ai buscu una fine è ai dettu, l’accettu è abbanduneghju, ùn sò nulla di ciò ch’è sò, ùn sò micca è hè megliu cusì. 

Vardi torna e fottò, ci cerchi u so surrisu è u toiu, ùn u vedi, a lagni, vardi i vostri figlioli, sò cridanciuli è egoisti, rigretti u tempu di e so prumesse è di e so spiranze, u tempu di quandu ùn eranu cà asgiu, rigretti d’avelli tantu tinuti cari d’annoiu, ma ùn ci poi nulla s’è, in a to vita, sdegni cun simpatia. Avaria vulsutu dilli parechje volte, per l’altri, dì à l’altri quale ella era, ella, a donna di i to figlioli, a donna ch’è tù sdignava ; soladimente, cumu dì à donne di nulla ch’elle ùn saranu mai l’ogettu di u to disprezzu, cumu dilli à elle ch’elle ùn s’alzarianu mai à u nivellu di a to dillusione è di u to rancore, iè, cumu dilli, tù chì sai tuttu, chì i so basgi è chì a so pelle ùn avvicinarianu mancu appena i to rigretti ? Li avaria vulsutu dì, quand’ella ti lampava adossu a so incapiscitura cughjosa, chì nimu ùn t’annuiava di più cà ella, chì nulla nè nimu ùn ti pudia annuià di più cà ella, è ci vulia ch’ella a sappia, di varaglia fatta, chì nimu ùn li cacciaria l’amarezza è u disgustu ch’ella t’ispirava ; ci vulia ch’è tù li dichi quant’è tù l’avia sbagliata u ghjornu di u to matrimoniu, u ghjornu di a nascita di i vostri figlioli, tutte st’annate in un littacciu à mastaccià sessualamente u stessu amore ; ci vulia ch’è tù li dichi quant’è tù ùn sapia nulla di l’amore di ste donne, ch’elle eranu solu una simplice vacanza in u to core, nulla d’astru, nulla chì si pudia furà i stupi è a vergogna ch’è tù li dedicava ; chì una guerra a t’avia persa, a più currente è a più tralucente, quella di a to caduta cum’è di a soia, una guerra chì t’amparava ch’ellu ùn ci era nulla à dì ancu s’è u mondu avia avutu digià qualcosa à dì, una guerra misera, senza bandera è senza arma, senza paese à difende s’ellu ùn hè quellu di e to cridenze è di e to bucie, è li devi dì ch’è tù a teni caru, s’è tù a voli salvà, a li devi dì s’è tù voli ch’ella fermi, devi perde a guerra cum’è l’ai sempre fatta, cuntinuvà à sottumetteti, è ùn capisci cum’ella ti pò dumandà quessa, cumu pò fà à dumandatti un’ antra arresa quand’è tù a vulia sempre tene vicinu à u to odiu, duve nimu ùn vinaria à tuccalla, in l’infinitu di a to frustrazione è di a to trafalata, è chere a tennerezza cum’è l’ultima di e puttane, ti cummanda d’amalla quant’ella sappiutu cultivà u to rimbeccu, trafala è more è cum’è ai persu è chì l’odii di tutta a to anima tandu a tinarè caru à sin’à scurdattine. 



Aucun commentaire:

Publier un commentaire